Buone pratiche di coltivazione in contenitore

IMG_2453

1. contenitori capienti che permettano un buon sviluppo radicale
2. tnt (tessuto non tessuto) sul fondo per trattenere le particelle fini
3. strato di argilla espansa per garantire uno sgrondo ottimale e limitare l’asfissia radicale nella parte bassa del contenitore
4. buon substrato di coltivazione – un miscuglio di torba e compost – inumidire il tutto con dell’acqua mentre si riempie il contenitore (la torba non assorbe immediatamente l’acqua)
5. ammendanti e fertilizzanti organici per aumentare la quantità di nutrienti presenti nel substrato e migliorarne la qualità (stallatico, cornunghia, leonardite, ecc.)
6. piantumare rispettando il colletto (attaccatura tra la parte epigea e quella ipogea della pianta)
7. pigiare senza esagerare il substrato intorno alla zolla messa a dimora, prevedendo un normale ed inevitabile calo del volume del terriccio, nel caso si dovrà aggiungerlo per riportarlo a livello
8. predisporre dei paletti per sostenere la giovane pianta fino a quando non avrà radicato e la zolla non si sarà stabilizzata
9. bagnare sempre da sotto riempiendo i sottovasi per abituare le radici a scendere in profondità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...